Dai concerti con le sedie

(che, manco a farlo apposta, è un verso del brano “Fuori” de “I Ministri”).

E SI POGA SEDUTI

C’è un pezzo di carta che in questi quindici mesi non abbiamo potuto comprare. E se lo avevamo già acquistato, è rimasto riposto lì, dentro un cassetto, in attesa di momenti migliori per poterlo usare.

Quel pezzo di carta è il lasciapassare per il concerto di un nostro gruppo preferito. Un concerto che alle volte è stato annullato, altre volte rinviato. A quando? “Forse il prossimo anno” ci comunicava, con una email inviata a tutti i clienti, il portale di vendita dei biglietti.

In questi quindici mesi sono stati anche pubblicati nuovi cd. E quante volte ci siamo chiesti se ci sarebbe stato, poi, un concerto con quelle nuove tracce. Un tour, quindi, dedicato a quelle nuove canzoni che abbiamo ascoltato in solitaria, senza poter ballare, saltare, urlare di gioia su quelle note, versi o strofe che più ci prendevano l’anima. Forse abbiamo ballato, saltato e anche urlato di gioia, si: ma in solitaria.

Adesso però qualcosa sembra cambiare.

Perché si può tornare ad acquistare quei pezzi di carta, o a tirarli fuori dai cassetti. E questi semplici gesti sembrano qualcosa di così inaspettato.

Ne ho acquistati anche io, due, la scorsa settimana. E nel momento in cui selezionavo la data e la città dello spettacolo scelto mi sentivo incredula. Ma anche felice. 
Un concerto sarà a luglio all’Idroscalo, un altro – a settembre – a Carroponte.
Due luoghi rigorosamente grandi e, soprattutto, all’aperto.  

Infatti, mentre guardo questi pezzi di carta, cerco di immaginare come saranno questi nuovi concerti dell’era Covid-19. Perché non staremo più in piedi, sotto il palco, a spingerci, ad abbracciarci, a creare un’unica grande onda fatta di braccia che seguono i ritmi e le melodie. No.

Saremo seduti. Si parla di posti numerati, file numerate. E anche di uno stesso concerto ripetuto due volte, la stessa sera: due turni per poter accontentare più gente possibile.

Qualcosa sembra cambiare. Perché rivivere l’emozione dei concerti sarà ancora possibile.
Non potremo abbracciarci, certo, però tutti – sotto lo stesso cielo – potremo intonare insieme quelle canzoni che durante i lockdown abbiamo ascoltato, in solitaria, nelle nostre case.

Non potremo abbracciarci, certo, ma potremo – ancora una volta – cantare insieme.

Posted on June 19, 2021, in Il blog di Grazia La Paglia. Bookmark the permalink. Leave a comment.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: